Parole chiave

Eventi simili

Condividi

FABIO LUBRANO

941040_516595838376935_188597240_n

“Volare sott’acqua – Racconti per chi non ha il tempo di leggere” è una raccolta di racconti tragicomici, pungenti, imprevedibili: storie che raccontano brevi e brevissimi scorci di vita quotidiana come fulmini a ciel sereno. Edita da LiberAria, è in libreria da maggio.
L’eccezionalità (dell’amore, della vita, dei sentimenti privati) diventa la regola. I personaggi si ritrovano in situazioni diverse (l’inizio e la fine di un amore, un incontro casuale, stress lavorativi, litigi di famiglia) che la rapidità della scrittura di Lubrano cattura con un tono sempre garbato.

La vita è difficile, ma basta poco per renderla più leggera, basta l’amore: “Qual è l’emozione più pura che hai provato?” gli chiese lei, un pomeriggio. Gianni non era sicuro di aver capito bene il senso della domanda. “Per pura intendo un’emozione libera da qualsiasi altro sentimento”, spiegò Silvia, “un’emozione che non nasce da un’aspettativa in qualcosa, che non pareggia la frustrazione, non è contaminata dalla passione, dalla rivalsa e così via.” Lì per lì non seppe cosa rispondere. Gli venivano in mente tanti episodi, ma nemmeno uno che fosse privo di sentimenti accessori. Poi visualizzò l’immagine di una piccola giacca a vento azzurra. “È successo qualche anno fa”, raccontò Gianni, “nevicava. Probabilmente era perché nevicava che…”, e finalmente confessò: “Vedi, sono sempre stato un pinguino in tutte le mie vite precedenti.”

Lubrano mette insieme le cose più diverse. Come un quadro di De Chirico. Una scrittura metafisica che gioca con i paradossi dell’esistenza. La ferocia malinconica con cui, in poche battute, inchioda il mondo è tipica degli autori pronti a schierarsi dalla parte del paradosso (e dell’ironia) prima che dalla parte della cosiddetta realtà (e della tragedia).

Fabio Lubrano è nato a Ravenna nel 1973 e vive a Milano. Nel 1995 ha pubblicato “L’amore è una brutta cosa con un bel nome” nei Millelire di Stampa Alternativa.  Suoi racconti sono apparsi nelle riviste «‘Tina», «Fernandel» e «Linus» e nelle antologie Kaori non sei unica (Tempi Stretti), Miguel son sempre mi (Tempi Stretti) e Scontrini (Baldini Castoldi Dalai Editori). Con Zandegù ha pubblicato il suo primo romanzo “Malinverno” e “Ok, panico! Guida alle crisi di panico: come procurarsele per vivere sereni”.

“Fabio ha l’invidiabile caratteristica di saper scrivere storie malinconiche con grande ironia, alternando commozione e comicità con uno stile tutto suo”. (Matteo B. Bianchi)

www.fabiolubrano.it