Soul Books Set28

Soul Books

Giovedì 28 settembre 2017, ore 21: Anteprima Festival Rock d’Autore: Presentazione “Soul Books”. Soul Books è una Collana dedicata ai protagonisti della Soul Music tra gli anni ‘60 e ‘70 e sarà al centro della nostra serata di anteprima del Festival del Rock d’Autore. Agili volumi monografici che raccontano il sound che ha segnato un’epoca e che ancora oggi ispira molti artisti. Piccole biografie dell’anima. Otis Redding, Aretha Franklin, Solomon Burke, Nina Simone, Ray Charles e i più grandi artisti soul raccontati da prestigiose firme italiane. Ogni libro sarà introdotto da una prefazione curata da Massimo Oldani grande esperto italiano di soul, r&b e black music che cura la trasmissione VIBE su Radio Capital. Graziano Uliani (organizzatore e direttore artistico del Porretta Soul Festival) inserirà in ogni pubblicazione curiosità, notizie e aneddoti della sua decennale attività a fianco dei più grandi nomi del soul. Il tutto diretto da Alberto Castelli. Al Melville giovedì 28 settembre a partire dalle 21, interverranno i giornalisti e gli scrittori Antonio Bacciocchi, Carlo Bordone ed Eddy Cilìa parlando dei loro volumi dedicati, rispettivamente a Ray Charles, Curtis Mayfield, James Brown. Tutta la collana la trovate alla pagina dedicata all’interno del sito di Vololibero Edizioni a questo link: http://www.vololiberoedizioni.it/soul-books/ Come ogni anno, grazie al supporto di Coopselios, Abi-Coop Piacenza e Coop Eridana, tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito....

(Orzo)Rock d’Autore...

Venerdì 20 ottobre 2017, dalle 21,30 – Serata (Orzo)Rock d’Autore. Il quarto Festival del Rock d’Autore parte con il consolidamento di una collaborazione, quella fra Officine Gutenberg e Orzorock. Ci eravamo lasciati con la presentazione del libro “Orzorock XX – Venti edizioni di musica in Trebbia” ed ora, venerdì 20 ottobre, il featuring si rinnova con la prima serata del nostro festival. Una serata che unirà realtà musicali diverse che però hanno un unico comune denominatore: essere legati in qualche modo al mondo Orzorock. L’apertura sarà ad opera dei Fattore Rurale, gruppo che gioca in “casa” e che torna al Melville con il suo rock che viaggia dal folk al blues che nell’immaginario viaggia Oltreoceano ma che poi rimane fortemente legato alla campagna fra il Po e il Trebbia. Come ogni anno, grazie al supporto di Coopselios, Abi-Coop Piacenza e Coop Eridana, tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito. Poi lo stacco con due mini-live e ri-presentazione di Orzorock XX – Venti edizioni di musica in Trebbia. Due piccoli stage in cui troveremo i Misfatto, band capitanata da Gabriele Gabì Finotti che da oltre 25 anni porta avanti un’idea e una identità ben chiara di rock all’italiana e che ormai ha il nuovo disco in rampa di lancio dal titolo “L’uomo dalle 12 dita”, e An Harbor. Il rocker piacentino entra per la prima volta nella scaletta del Festival del Rock d’Autore con la sua voce e la sua chitarra, “attrezzi” che lo hanno reso conosciuto in tutta Italia, con un mini-live che si aggancerà al libro sui venti anni del festival in riva al Trebbia di Gragnano proprio attraverso la sua intervista sulle sue partecipazioni ad Orzorock davanti e sopra a quel palco. La chiusura della serata viene dalla zona di Acqui Terme,...

Joe Boyd’s Adventures...

Giovedì 26 ottobre 2017, dalle 21.30 – Presentazione di “Joe Boyd’s Adventures” documentario creato e diretto da Francesco Paolo Paladino. La seconda serata del Festival vedrà il ritorno di un amico del Melville e di Officine Gutenberg, il regista Francesco Paolo Paladino. L’artista piacentino entra nella nostra rassegna con il suo lavoro, prodotto da Arnia Film nel 2016, incentrato sulla figura di Joe Boyd, storico discografico, colui che ha lanciato i Pink Floyd. Come ogni anno, grazie al supporto di Coopselios, Abi-Coop Piacenza e Coop Eridana, tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito. Un documentario dal titolo “Joe Boyd’s Adventures” creato e diretto da Paladino, in collaborazione con Eleonora Bagarotti e Blue Bottazzi e con il prezioso sostegno del Festival “Dal Mississipi al Po” e di Davide Rossi. Fondamentali anche le traduzioni di Seba Pezzani e Barbara Burgio. Il documentario è stato presentato con crescente interesse via web nell’estate 2017 in dieci puntate trasmesse dalle piattaforme di Radiocoop, Rockerilla, Arnia Film, ed sul sito personale di Joe Boyd. Chi è Joe Boyd? Boyd è sostanzialmente un produttore musicale (e scrittore, suo il fantastico libro, osannato da Brian Eno, “White Bicycle”) che ha attraversato e ancora attraversa il panorama musicale dal 1960, con una raffinatissima dose di intuito che lo ha portato a collaborare con un grandissimo numero di miti del rock. Joe ha prodotto il primo 45 giri dei Pink Floyd “See Emily play”, ha scoperto e prodotto Nick Drake e Vashti Bunyan, Incredible String Band e John Martyn. Ha prodotto il film su Jimi Hendrix ed ha curato la colonna sonora di BRAZIL. Ma questa non è che una minima parte del suo filone aureo, ci sono anche Fairport Convention, Maria Maldaur e tanti tanti altri. Paladino lascia parlare Boyd, disteso e rilassato...

Alberto Fortis

Venerdì 3 novembre 2017, ore 22 – Alberto Fortis. Le presentazioni sono d’obbligo farle, ma in alcuni casi è quasi superfluo. Questo vale ad esempio per la terza serata del nostro Festival del Rock d’Autore che vedrà sul palco del Melville un grandissimo artista della musica italiana, quello di Alberto Fortis. Dopo nomi come quelli di Eugenio Finardi, Manuel Agnelli, Cristiano Godano (solo per dirne tre), per la serata del 3 novembre arriva anche quello di Alberto Fortis. Il cantautore di Domodossola, ma che ha trovato il successo spostandosi a Roma, passerà a San Nicolò per portarci la sua storia. Come ogni anno, grazie al supporto di Coopselios, Abi-Coop Piacenza e Coop Eridana, tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito. Attivo ben prima di quel 1979 che lo vede uscire con la sua prima pubblicazione, con l’album “Alberto Fortis” edito da Philips Records, l’artista piemontese ha proseguito la sua attività musicale fino all’ultima produzione targata Sony dal titolo “Do l’anima”, attraverso altri 17 album in studio. Una lunga carriera che verrà raccontata in una serata a metà tra live ed...

La storia del punk

Giovedì 9 novembre 2017, ore 21 – Presentazione di “La storia del punk” – Il nuovo libro di Stefano Gilardino (ed. Hoepli). Per la serata di giovedì 9 novembre, in occasione della quarta serata del nostro Festival del Rock d’Autore 2017, proponiamo una lettura freschissima di tipografia, stiamo parlando del libro “La storia del punk”. Un’uscita nuovissima, che compie un mese proprio durante la nostra serata, targata Hoepli che verrà presentata direttamente dall’autore, il giornalista e scrittore Stefano Gilardino. A partire dalle ore 21 Stefano Gilardino ci porterà quello che si vuole proporre come un nuovo “cult” per tutti gli amanti del punk ma più in generale del rock. Un viaggio, suddiviso in capitoli, fra i vari momenti e le varie espressioni del genere andando anche a toccare ambiti esterni alla musica, che sono stati cambiati, se non addirittura stravolti, dalla crescita e dall’affermazione del punk. Scheda del libro   Come ogni anno, grazie al supporto di Coopselios, Abi-Coop Piacenza e Coop Eridana, tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito....

Gomma

Venerdì 24 novembre 2017, ore 22 – Gomma. La sfumatura più fresca a questo Festival del Rock d’Autore la portano i Gomma. Il loro primo album “Toska”, definito post rock – emo, è una delle sorprese più interessanti del 2017. GOMMA è l’idea, nata nei primi mesi del 2016, da Matteo, Paolo, Giovanni e Ilaria. Vengono dalla provincia di Caserta, quella da cui sarebbe meglio fuggire, che però è anche il filo conduttore che li ha fatti incontrare. Hanno deciso di passare male la vecchiaia e spaccarsi la schiena suonando gli sembrava la cosa migliore da fare nel frattempo. Come la gomma, hanno vari modi d’uso. Quello che suonano è il loro foglio illustrativo. Come ogni anno, grazie al supporto di Coopselios, Abi-Coop Piacenza e Coop Eridana, tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito. Pagina Facebook della...

Dizionario Toponomastico fantastico...

Mercoledì 6 dicembre 2017, ore 21 – Presentazione del “Dizionario Toponomastico fantastico della provincia di Piacenza” a cura di Gabriele Dadati e Giovanni Battista Menzani (ed. Officine Gutenberg 2017). Quello che nessuno ha mai svelato sull’origine dei nostri paesi. Una delle più incredibili vicende raccolte in questo libro è quella di Besenzone, che a partire dal IV secolo d.C. fu popolato da donne molto belle provenienti dal nord Europa: donne alte, di carnagione chiara e dalla lunga chioma, bionda o del colore del fuoco e del rame, che a torto vennero credute streghe. Un’altra è relativa a una scatenata battaglia tra Barbieri preistorici in un grande Prato al limitare dei boschi del monte Moria, una sorta di nostrano talent show ante litteram. Un’altra ancora a un uomo incurvato dagli anni, con il respiro affannoso, che era solito accovacciarsi sotto le fronde del suo albero di noci per veder volare nel cielo un Gabbiano. Che cosa ci faceva lì, tra le colline sopra Pianello, quello strano uccello? E che dire di Doppi, abitato solo da gemelli, o di Settesorelle, umile rifugio di una vedova che alla fine del Settecento crebbe da sola sette figliole? Sull’origine dei toponimi di Mareto e di Montalbo non c’è invece certezza: vi sono in campo diverse ipotesi, tutte (quasi) verosimili. In altri casi, dubbi non ce ne sono. Castelvetro deve il suo nome al maniero (tutto trasparente) di un conte assai geloso della sua giovane moglie; I Vaccari allo spettacolo itinerante del circo indiano del Grande Capo Toro Accovacciato (il cui figlio sarebbe poi diventato il ben più noto Toro Seduto); Corano alla prima enclave islamica in val Tidone; San Polo a un geniale stilista cinese che disegnò la prima maglietta con il collo (assai prima di Lacoste e di...

Il Senato

Giovedì 7 dicembre 2017, ore 22 – Il Senato. La chiusura non poteva essere più “brit”. Un insieme di storie e carriere diverse unite dalla stessa scena mod/garage beat italiana e inglese. Dopo il primo mini-tour di successo dello scorso maggio, Il Senato riparte passando anche per il Festival del Rock d’Autore. Fay Hallam, Andy Lewis, Tony Face, Luca Re, Alex Loggia. Come ogni anno, grazie al supporto di Coopselios, Abi-Coop Piacenza e Coop Eridana, tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito. Pagina Facebook della...

Dogs’n’Pigs...

Sabato 16 dicembre 2017, ore 22 – Dogs’n’Pigs. Dopo diverso tempo che non tornavano al Melville, ecco di nuovo i Dogs’n’Pigs. Il loro ritorno sul nostro palco è fissato per il 16 dicembre ed è con le loro parole che ve li presentiamo. “Siamo un gruppo di amici che hanno iniziato a suonare insieme a fine anni ’80, non nella classica cantina ma in un solaio: forse per questa ragione invece di dedicarci alle bottiglie, seppur senza disdegnarle, siamo più culturalmente e fisicamente prossimi agli insaccati”. “Al Melville cercheremo di intrattenere i nostri fans con una buona dose di musica, che presa nel modo giusto è il miglior anti-infiammatorio esistente, e la serata farà parte del nostro “SpensieraT(o)ur”: un paio d’ore scacciapensieri (indimenticato programma di cartoni sulla Tivu Svizzera) che non abbiamo potuto chiamare “SpensieraTi(r)” per eccessiva assonanza con Diego Abatantuono in Eccezziunale Veramente. Rock italiano, Pop internazionale, Punk, Reggae, Prog, Blues, Soul, Dance ogni genere è affrontato da noi in modo personale. Una serata easy-listening senza pensieri, ma che lasci tuttavia qualche pensiero per i più desiderosi di farsi del male. Puccio (Lorenzo De’ Benedetti), il nostro Singer, ci guiderà nella serata raccontandoci nel corso il filo logico della scaletta, spesso gli capiterà di dimenticare qualcosa o di emozionarsi ed a quel punto Maestro Peggy (Giovanni Pecoli) alle tastiere subentrerà in suo aiuto. Ciccio (Marco D’Elia), alla batteria, e attento censore di ogni sbavatura, insieme a Gigiwater (Luigi Rigolli) al basso, cercherà di fornire il necessario tappeto ritmico. Dele (Alessandro D’Elia) alla chitarra sarà infine quello che dovrà legare il tutto, fra assoli – sviste – fare dell’altro, insomma tutto quello che ci si aspetta da un chitarrista. Pagina Facebook della...

Andrew Stairs

Venerdì 22 dicembre 2017, ore 21 – La Andrews Stairs Band torna al Melville per la festa di Natale. Il meglio della canzone italiana. Christmas Evening Greatest...

Download mp3